Come funziona la nomina dell’amministratore di condominio?

Come funziona la nomina dell’amministratore di condominio?

DOMANDA

Salve, ieri sera si è svolta l\’assemblea condominiale. Nessuna decisione è stata presa con esplicita votazione, l\’amministratore (dopo alcune contestazioni al bilancio consuntivo) ha semplicemente chiesto se ci fosse altro da aggiungere. Stessa cosa per quanto riguarda la sua nomina, nessun riferimento esplicito nè implicito. Stamattina ho mandato messaggio riguardo quanto sopra e la sua risposta è stata che lo abbiamo votato l\’anno scorso. Con alcuni condomini si valutava di considerare preventivi di altri amministratori, possiamo farlo ed eventualmente chiedere il sollevamento dal suo incarico? Grazie

RISPOSTA

Gent.mo utente,

con riferimento al quesito che ci viene posto si riporta quanto segue:

La revoca dell’amministratore,in forza del disposto di cui all’art. 1129 c.c. può essere deliberata in ogni tempo dall’assemblea con la maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno la metà del valore del fabbricato ovvero con le modalità indicate dal regolamento di condominio.

I condomini, dunque,  hanno la facoltà di decidere la revoca del proprio amministratore anche in assenza dei presupposti che giustificano la revoca giudiziale.

La revoca in oggetto deve necessariamente essere inserita all’ordine del giorno.

Per richiedere un determinato punto all’o.d.g. occorre richiederlo per iscritto all’amministratore a mezzo pec o raccomandata a.r. e la predetta richiesta deve avvenire da almeno due condomini che rappresentino 1/6 del valore del fabbricato.

Del pari, alle stesse condizioni, potrete richiedere che alle prossime assemblee vengano ridiscussi i punti non trattati. Si consiglia in ogni caso di sollecitare l’invio del verbale atteso che, se presenti, si hanno 30 giorni per proporre eventuale impugnativa di delibera ed il termine decorre dall’assemblea. Non così se si risulta assenti. In detto caso, il termine decorre dalla ricezione del verbale.

Avv. Amedeo Caracciolo

Assistenza Gratuita Garante Condominio

Dettagli Avv. Amedeo Caracciolo

Dopo essermi laureato all’Università degli Studi di Napoli Federico II, ho intrapreso un percorso di formazione presso una Scuola di Specializzazione per le professioni forensi (master di II livello). Abilitato all’esercizio della professione di Avvocato sono oggi iscritto all’Ordine degli Avvocati di Napoli. Mi occupo prevalentemente di diritto civile, con particolare riferimento – anche – al diritto condominiale. Ho iniziato a studiare questa complessa materia nella profonda convinzione che, contrariamente a quanto spesso si afferma, anche la figura professionale dell’Avvocato specializzato in materia condominiale possa essere idonea ad evitare l’insorgere di contenzioso, da un lato, tra i condomini e dall’altro tra il Condominio e i terzi, non per forza venendo in rilievo soltanto come extrema ratio, quando sono oramai esperiti tutti i tentativi di conciliazione e risoluzione stragiudiziale del contendere.