Documentazione condominiale ed auto-convocazione: ecco l’iter.

Documentazione condominiale ed auto-convocazione: ecco l’iter.

QUESITO

Buongiorno,
abbiamo bisogno di sapere come si fa a prendere visione della documentazione condominiale.
Nel novembre 2017 l’amministratore ha tagliato uno dei pini (circa 30 anni) nel posteggio auto senza informare i condomini.

Ha capitozzato anche alcune magnolie sempre all’interno del parco.
Il regolamento comunale prevede una serie di adempimenti e rilascio di certificazioni prima di procedere al taglio di questi arbusti.
La stessa documentazione Γ¨ stata piΓΉ volte da noi richiesta con pec e mail, ma senza risultato.

Ci ha promesso verbalmente che avrebbe provveduto a piantare un arbusto di pari valore.
Inoltre Γ¨ emerso che il numero di posti auto disponibili sia superiore a quello esistente.

Ha provveduto, quindi, alla stampa di tagliandi da apporsi sulle auto. Abbiamo, perΓ², constatato che il numero dei tagliandi Γ¨ superiore a quello consentito.
Come possiamo avere certezza che le cose siano state eseguite regolarmente?

Si puΓ² chiedere la visione degli atti o una assemblea?
Se possibile, gradiremmo sapere quale articoli citare per poterla richiedere. Grazi

RISPOSTA

Gent.ma utente,
con riferimento al quesito sulla documentazione condominiale si riporta quanto segue.

Con la L. 220/2012, ai condomini e ai titolari dei diritti reali o di godimento sull’unitΓ  immobiliare, Γ¨ consentita la consultazione dei documenti giustificativi di spesa e non solo.

L’art. 1129 comma 2 c.c., parte seconda, prevede espressamente che β€œl’amministratore deve comunicare il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell’art. 1130.
NonchΓ© i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all’amministratore, puΓ² prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata”.

Quindi il condomino che ne fa richiesta non solo ha il diritto di consultare la documentazione, ma ha anche la possibilitΓ  di ottenerne una copia a proprie spese.

Strettamente collegato Γ¨ senza ombra di dubbio l’art. 1130 c.c. relativo alle attribuzioni dell’amministratore.
Al numero 9) il suddetto articolo ribadisce che l’amministratore deve fornire al condomino che lo richiede l’attestazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali liti in corso.

Ancora al numero 7) Γ¨ previsto che l’amministratore deve curare la tenuta del registro dei verbali delle assemblee, del registro di nomina e revoca dell’amministratore e del registro di contabilitΓ . Nel contenuto del registro di contabilitΓ  sono annotati, in ordine cronologico entro trenta giorni dall’effettuazione, i singoli movimenti in entrata e in uscita.

L’articolo in esame individua anche un limite temporale per la conservazione della documentazione in oggetto, infatti l’amministratore Γ¨ obbligato alla custodia per dieci anni registrazione.
Le consigliamo quindi di fissare un appuntamento con l’amministratore per prendere visione e/o estrarre copia, di tutta la documentazione che Vi interessa.

In riferimento al secondo quesito posto Γ¨ necessario sottolineare che Γ¨ possibile richiedere una riunione straordinaria.
Per far ciΓ² Γ¨ necessario che la richiesta provenga da almeno due condomini che rappresentino 1/6 del valore del fabbricato (170 millesimi circa).

E’ necessario inserire in questa richiesta l’apposita dicitura che in assenza di convocazione assembleare nel termine di 10 giorni, i condomini richiedenti provvederanno direttamente alla convocazione dell’assemblea (cd. ad auto-convocazione).

Le consigliamo..

La lettura dell’articolo sulla sicurezza delle parti comuni in condominio.

Avv. Amedeo Caracciolo

Dott.ssa Federica Colicchio