L’amministratore del supercondominio può amministrare anche la singola palazzina?

L’amministratore del supercondominio può amministrare anche la singola palazzina?

DOMANDA

Sono la proprietaria di un appartamento in un condomìnio facente parte di un Supercondominio composto complessivamente da 4 unità subcondominiali per un totale di 130 appartamenti (il mio condomìnio è il più piccolo ed è composto da 24 appartamenti).

Il Supercondominio gestisce le aree comuni che comprendono: un giardino condominiale molto esteso e ricco di alberi e siepi, le strade interne che portano ai 4 condomìni, il parcheggio interno, le fognature, i tombini di scolo dell’acqua, ecc.

Il Supercondominio è amministrato da un Superamministratore, chiamiamolo A.
Il mio condomìnio è amministrato da un Amministratore, B.
Gli altri 3 condomìni sono tutti amministrati da un unico Amministratore, C.

Tra una decina di giorni dovremo nominare un nuovo Superamministratore e tra i candidati c’è anche l’Amministratore C che già amministra 3 dei 4 condomìni.
Assieme al nostro rappresentante di condominio stiamo cercando di valutare bene ciò che è meglio fare, ma mi sorgono dei dubbi per i quali chiedo cortesemente un vostro parere:

1) nomina Superamministratore
L’Amministratore C, che già ha in gestione 3 dei condomìni facenti parte del Supercondominio, può essere nominato anche Superamministratore, senza il rischio che egli condizioni le scelte dei 3 rappresentanti dei 3 condomini da lui amministrati?

2) costo del Superamministratore
Tutti i preventivi pervenuti relativi al compenso per la gestione del Supercondominio si aggirano tra i 1.800,00 e i 2.500,00 € all’anno, escluse le spese tipo la redazione del mod. 770, le spese postali, ecc.
Il preventivo presentato dall’Amministratore C è di soli € 200,00+iva all’anno, escluse le spese sopra citate.
Questo preventivo può essere ritenuto consono in base alla quantità e alla qualità delle prestazioni che il Superamministratore dovrebbe eseguire per un Supercondominio come il nostro?

Spero di essere stata chiara nell’esposizione della situazione e conto di poter avere una cortese risposta in merito ai dubbi in modo da fare la miglior scelta possibile. Grazie

RISPOSTA

Gent.mo utente,

con riferimento al quesito posto si rappresenta quanto segue:

Proviamo a rispondere seguendo l’ordine delle Sue domande:

1) a dire della legge (art. 1117bis e 67 disp. att. c.c.) non vi è sul punto, alcun conflitto di interessi

2) il preventivo sembra oggettivamente “fuori mercato”. Resta la circostanza che, mancando elle tariffe obbligatorie di legge, l’assemblea è sovrana e, in questo momento storico, si tende quasi sempre a privilegiare il criterio del prezzo più basso

Restiamo a Sua disposizione per ulteriore chiarimento e La invitiamo, ove ritenga utile questo servizio, a lasciare una recensione sulla pagina facebook di Garante Condominio https://www.facebook.com/AssociazioneGaranteCondominio/

Attenzione: l’assistenza è offerta da UNICA. Una volta specificato il quesito, i nostri esperti ti risponderanno. Dopo la prima risposta, si valuterà a seconda del caso se rispondere o meno.

Distinti saluti

Assistenza legale “Garante Condominio”

Avv. Amedeo Caracciolo

Assistenza gratuita Garante Condominio

Dettagli Avv. Amedeo Caracciolo

Dopo essermi laureato all’Università degli Studi di Napoli Federico II, ho intrapreso un percorso di formazione presso una Scuola di Specializzazione per le professioni forensi (master di II livello). Abilitato all’esercizio della professione di Avvocato sono oggi iscritto all’Ordine degli Avvocati di Napoli. Mi occupo prevalentemente di diritto civile, con particolare riferimento – anche – al diritto condominiale. Ho iniziato a studiare questa complessa materia nella profonda convinzione che, contrariamente a quanto spesso si afferma, anche la figura professionale dell’Avvocato specializzato in materia condominiale possa essere idonea ad evitare l’insorgere di contenzioso, da un lato, tra i condomini e dall’altro tra il Condominio e i terzi, non per forza venendo in rilievo soltanto come extrema ratio, quando sono oramai esperiti tutti i tentativi di conciliazione e risoluzione stragiudiziale del contendere.