Rateizzare i costi di lavori troppo costosi

Rateizzare i costi di lavori troppo costosi

QUESITO

Buongiorno
ho alcuni arretrati sui pagamenti per lavori di ristrutturazione.
Ho la possibilità di rateizzare l’importo direttamente con l’amministratore o tutelarmi per i mancati pagamenti?

L’amministratore a mezzo comunicazione mi ha intimato il pagamento entro 10 gg. Aggiungendo che se non pagavo avrebbe trasmesso i miei dati alla ditta per far procedere loro con il recupero dei soldi.

Quando hanno iniziato i lavori era prevista una penale in caso di ritardo. Tali lavori hanno tardato di diversi anni, ma non ho visto compensare la mia spesa con una penale verso loro.

Come posso accedere a tali informazioni?
Grazie mille dell’eventuale supporto.
Buon lavoro

RISPOSTA

Gent.mo utente,
con riferimento al quesito sul rateizzare i costi si riporta quanto segue.
Il sollecito di pagamento effettuato dall’amministratore attraverso la lettera di messa in mora è purtroppo un atto dovuto.

Questo perché, a sua volta, l’amministratore è stato il destinatario di un sollecito da parte della ditta.
La ditta ha l’obbligo, ai sensi dell’art. 63 disp. att. c.c. comma 2, di agire direttamente nei confronti dei condomini morosi.

Quanto sopra è previsto dalla legge per fornire una maggiore tutela a quei condomini in regola con i pagamenti. La ditta esecutrice dei lavori richiede all’amministratore il nominativo dei condomini morosi.
L’amministratore ha l’obbligo di fornirli senza alcun indugio.

Anche perché, in caso contrario, si esporrebbe il condominio ad azioni legali la cui gravità potrebbe giungere sino al pignoramento del conto corrente condominiale.

Le suggeriamo di stipulare un piano di rientro del debito direttamente con la ditta, e non con l’amministratore, attraverso la stipulazione di una scrittura privata.
In questo modo, potrà concordare direttamente con il creditore la rateizzazione del debito nonché le modalità ed i tempi di pagamento.

La questione attinente al ritardo nell’esecuzione dei lavori

ci appare poco chiara, di conseguenza non ci sentiamo di darLe una risposta univoca.

L’elemento fondamentale di un contratto di appalto è il termine di consegna delle opere concordate. Non esiste un termine di legge in grado di prevedere l’esecuzione del lavoro.Per questo motivo, il termine è stabilito dalle stesse parti contraenti.

In linea generale, la clausola penale prevede la diminuzione di un corrispettivo in denaro derivante dal ritardo della consegna dell’opera. Ciò nonostante, non possiamo darle una risposta precisa perchè servirebbe leggere l’intero contratto.

In questo articolo spiegiamo come trattare un piano di rientro per morosità!

Dott.ssa Federica Colicchio