Un dipendente pubblico può fare l ‘amministratore di condominio?

Un dipendente pubblico può fare l ‘amministratore di condominio?

DOMANDA
Delibera assembleare in data 26 maggio 2018 a maggioranza viene approvata l’esecuzione di un marciapiede davanti  al 12/b via del Crocifisso a Stresa ingresso del mio appartamento , a tutt’oggi l’amministratore non ha eseguito la delibera dando ascolto ai condomini contrari  che non la hanno impugnata nei tempi e modi stabiliti dalla legge ma bloccando i lavori solo tramite mails   Adducendo che l’opera è da considerare innovazione non completamento parti comuni anche se in catasto
è presente comeB.C.N.C. (bene comune non censito) inoltre si sono dichiarati contrari a comparrecipare alla spesa per la realizzaziine del suddetto. L’amministratore tramite mail ha confermato quanto scritto
dall’avvocato da me interpellato ma a tutt’oggi non ha eseguito la delibera assembleare dell’epoca.
Ringraziando porgo cordiali saluti

RISPOSTA
Gent.mo utente,
con riferimento al quesito posto si rappresenta quanto segue:
Costituisce precipuo obbligo dell’amministratore dare esecuzione alle delibere, che sono la manifestazione della volontà assembleare. La giurisprudenza nel corso degli anni ha suggerito che non vanno eseguite le delibere che siano radicalmente nulle o inesistenti.
Orbene, se trattasi di delibera nulla, chi voleva impugnare lo può fare tuttora non essendoci limiti temporali.
Pertanto, si consiglia di far scrivere nuovamente all’amministratore dal Suo legale, ribadendo che la mancata esecuzione della delibera assembleare potrebbe anche portare alla revoca dello stesso amministratore su ricorso di uno o più condomini in sede di volontaria giurisdizione.

Distinti saluti
Assistenza legale “Garante Condominio”
Avv. Amedeo Caracciolo

Dettagli Avv. Amedeo Caracciolo

Dopo essermi laureato all’Università degli Studi di Napoli Federico II, ho intrapreso un percorso di formazione presso una Scuola di Specializzazione per le professioni forensi (master di II livello). Abilitato all’esercizio della professione di Avvocato sono oggi iscritto all’Ordine degli Avvocati di Napoli. Mi occupo prevalentemente di diritto civile, con particolare riferimento – anche – al diritto condominiale. Ho iniziato a studiare questa complessa materia nella profonda convinzione che, contrariamente a quanto spesso si afferma, anche la figura professionale dell’Avvocato specializzato in materia condominiale possa essere idonea ad evitare l’insorgere di contenzioso, da un lato, tra i condomini e dall’altro tra il Condominio e i terzi, non per forza venendo in rilievo soltanto come extrema ratio, quando sono oramai esperiti tutti i tentativi di conciliazione e risoluzione stragiudiziale del contendere.